I suoni ed il linguaggio nei bambini e nelle bambine dai 2 ai 3 anni

Pubblicato il 11/12/2017


I SUONI ED IL LINGUAGGIO NEI BAMBINI E NELLE BAMBINE DAI 2 ANNI A 3 ANNI

Ascolto e comprensione

Capiscono le differenze di significato (“vai-fermo”, “dentro-fuori”, “grande-piccolo”, “su-giù”).

Seguono due richieste (“Prendi il libro e mettilo sul tavolo”).

Ascolta e si diverte ad ascoltare storie per periodi di tempo più lunghi.

Espressione

Dicono parole per quasi tutto

Usano due o tre parole per parlare e per richiedere cose

Producono i suoni k, g, f, t, d e n

Quando parlano vengono capiti da chi li conosce la maggiore parte delle volte

Chiedono spesso di avere degli oggetti o dirigono la loro attenzione verso di essi

Chiedono “perché”?

Potrebbero balbettare su parole o suoni

CHE COSA POSSO FARE PER AIUTARLI?

  • Usa un modo di parlare chiaro e semplice che sia facile da imitare
  • Mostrate interesse per ciò che dicono ripetendo quello che hanno appena detto ed espandendo. Per esempio, se tua figlia dice “fiore bello”, puoi rispondere dicendo: “Sì, questo è un bel fiore. Il fiore è rosso accesso. Che buon profumo! Vuoi annusarlo?
  • Fai capire a tuo figlio che quello che sta dicendo è importante per te chiedendogli di ripetere le cose che non hai capito del tutto. Per esempio: “So che vuoi un cubetto. Dimmi ancora quale cubetto vuoi”.
  • Espandi il vocabolario di tua figlia. Introduci nuovi vocaboli leggendo libri che hanno semplici frasi su ogni pagina.
  • Parla dei colori (per esempio: “Il cappello di Ale è rosso”).
  • Esercitatevi a contare. Contate dita dei piedi e delle mani. Contate i gradini andando su e giù.
  • Nominate gli oggetti e descrivete la figura in ogni pagina del libro. Dite sinonimi per parole familiari (per esempio, mamma, donna, signora, adulta) e usa queste parole nuove nelle frasi per aiutare la bambina ad imparare dal contesto.
  • Mettete gli oggetti in un recipiente e rimuoveteli uno ad uno dicendo che cosa sono. Ripeti quello che dice tuo figlio ed espandi su quello che ha detto: “Questo è un pettine. Ale si pettina i capelli”. Prendi gli oggetti dal contenitore ed aiutalo a raggrupparli per categoria (per esempio, vestiti, cibo, strumenti per disegnare).
  • Taglia foto dalle vecchie riviste e fate un quadernino di oggetti familiari. Aiuta tua figlia ad incollare le figure sul quadernino. Esercitatevi a nominare le figure, usare gesti e parole per mostrare come si usano le cose.
  • Guardate alle foto di famiglia e nominate le persone. Usate frasi semplici per descrivere che cosa sta succedendo sulla foto (“Ale sta nuotando in piscina!”)
  • Scrivete frasi semplici ed appropriate sotto le foto. Per esempio “Posso nuotare” o “Auguri papà”. Tuo figlio comincerà a capire che leggere è linguaggio orale in lettere.
  • Fai domande che implichino una scelta, piuttosto che risposte “sì” o “no”. Per esempio, invece di chiedere: “Vuoi il latte? Vuoi l’acqua?”, chiedete: “Vuoi un bicchiere di latte o di acqua?”. Assicurati di aspettare la risposta e rinforza la buona comunicazione: “Grazie per avere detto a mamma quello che vuoi. Mamma ti prende un bicchiere di latte.”
  • Continua a cantare canzoncine (giro giro tondo), giocare con le mani (batti batti le manine), e dire filastrocche (farfallina bella e bianca).
  • Rinforza la comprensione del linguaggio giocando a “sì o no”: “Sei un maschietto?”, “Questa è una zebra?”, “ Il tuo nome è Francesca?”

Categorie blog